Palabrasenelviento

Palabras en el viento

Soldati

leave a comment »

Indicano, forse incitano, incantano, solidarizzano, sempre accarezzando l’arma. Non ci sono fosse né cadaveri intorno e loro guardano la folla, tristemente; o forse vedono oltre, al di là di ciò che guardano.
Non ci sono due paesi contrapposti né confini da difendere né altri oltre loro stessi. E non ci sono matite, ora, né per disegnare i sogni della piazza né per disegnare i pensieri di chi siede sui carri armati.

Sembra che ci siano state strette di mano e abbracci, in qualche foto si vede qualcuno che gli mette tra le braccia un figlio ancora in fasce. Un giorno, forse, uno di quei soldati si siederà a terra e accarezzerà dolcemente la testa di un cane che gli dormirà sulle ginocchia, e troverà una matita e disegnerà la guerra che non non vuole uccidere e la guerra che uccide.

Forse, tra le spire di un’anaconda, si sta più al sicuro.

Annunci

Written by Ezio

1 febbraio 2011 a 19:51

Pubblicato su Senza Categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: