Palabrasenelviento

Palabras en el viento

Fuochi

with 3 comments

Un’insurrezione, non immaginiamo nemmeno più da dove cominci. Sessant’anni di pacificazione, sessant’anni di sospensione degli sconvolgimenti storici, sessant’anni di anestesia democratica e di manipolazione degli eventi hanno indebolito una certa percezione aspra della realtà, il senso partigiano della guerra in corso.

Non c’è da aspettare una schiarita, la rivoluzione, l’apocalisse nucleare o un movimento sociale. Aspettare è una follia. La catastrofe non è quello che arriverà, ma quello che già c’è. Siamo fin da ora dentro un movimento di sprofondamento di una civiltà. È là che dobbiamo prendere partito. Non aspettare più è, in un modo o nell’altro, entrare in una logica insurrezionale. È sentire di nuovo, nelle voci dei governanti, il leggero tremolio di terrore che non li abbandona mai. Perché governare non è mai stato altro che respingere grazie a mille sotterfugi il momento in cui la folla li appenderà, e ogni atto di governo non è niente altro se non un modo per non perdere il controllo sulla popolazione.

(Comitato invisibile)

Annunci

Written by Ezio

28 gennaio 2011 a 19:23

Pubblicato su Senza Categoria

3 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Sessant’anni!? Curioso!
    Sarebbe dal gennaio 1951.
    E come mai?

    franco

    28 gennaio 2011 at 19:35

  2. Pagine scritte qualche anno fa, in Francia. Sessant’anni di – probabilmente – pacificazione democratica nel dopoguerra.

    Ezio

    28 gennaio 2011 at 20:05

  3. “anestesia”: termine a cui pensavo proprio oggi… siamo anestetizzati!

    angie

    30 gennaio 2011 at 04:53


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: