Palabrasenelviento

Palabras en el viento

Aggregati

with 2 comments

Padre Thomas Gage è furbo come una volpe, lui sa che i caimani sanno correre solo in linea retta e sa che per sfuggirgli bisogna correre zigzagando, così da confonderli. E così, zigzagando, fugge. Fugge pure dai giaguari – che sanno correre in linea retta e a zig-zag – buttandosi in acqua, dove i caimani non non hanno bisogno di correre.
Il caimano non divide, costringe ora correre ora a tuffarsi. Unisce. Aggrega.
Quando Gage fu preso prigioniero da un pirata nato in Olanda ma non olandese ed ex corsaro della regina inglese provò a salvarsi confessando che stava con gli olandesi e con gli inglesi, con gli spagnoli e con i francesi.
E per sua fortuna non c’era un nemico comune come accade oggi con Berlusconi, tanto pericoloso da costringere tutti a bollire dentro il calderone dell’unità.
È veramente bizzarro: si sta contemporaneamente con Ernesto Guevara e con Marco Travaglio, con Buenaventura Durruti e con Michele Santoro, con il cicap e con i complottisti, con Stefano Cucchi e con Antonio Di Pietro, con Umberto Bossi e con Giuseppe Garibaldi, con Beppe Grillo e con il Partito Democratico, con i cattolici e con le donne, con i partiti e con gli anarchici, con i carcerati e con i carcerieri, con il trattato di Lisbona e con la costituzione italiana, con lo Stato e con la BCE.
In effetti si era ben meno uniti sull’isola utopia – raccontata o inventata da un marinaio delle navi di Vespucci, conosciuto o inventato da Tommaso Moro – dove non c’era capitalismo in grado di partorire personaggi effimeri e duraturi quanto una particella emersa dal nulla nel falso vuoto.

Annunci

Written by Ezio

24 maggio 2010 a 17:20

Pubblicato su Senza Categoria

2 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. ezio sono davvero inquetanti quei “si sta con tizio e anche con caio”…cucchi e di pietro per esempio, o guevara e travaglio (in questo caso ci sarebbe anche di peggio, visto che c’è anche una frangia di fascisti che sta con il che). e sul binomio cattolici-donne ci sarebbe davvero molto da dire :-(
    a presto amico mio, ciao

    nico

    25 maggio 2010 at 08:10

  2. Non so, Nico, io di inquietante vedo solo la schizofrenia del capitalismo capace di generare – restando in Italia – anche personaggi come il premier e governi come questo. Aggiungo però che, a mio avviso, la differenza coi precedenti governi di sinistra sia tutta nel metodo che persegue il fine e non nel fine stesso, che non dipende da loro. In fondo si è tutti un po’ giustizialisti, no? solo che si pretende una polizia buona, una pena commisurata e un governo giusto, come se il potere potesse essere esercitato senza essere usato, come se la legalità, tra i rapporti di forza, non fosse appannaggio di quella maggiore. Insomma, volevo solo sottolineare che questa sorta di confusionale aggregazione contro un prodotto non fa che preparare il terreno ad altri prodotti futuri contro i quali bisognerà con altra confusione aggregarsi di nuovo, perché il problema non sta nel governo o nell’uomo di governo bensì nel sistema che lo/li genera.
    Guevara e non solo Guevara: i fascisti hanno scippato pure De André e Gaetano…
    Cattolici e donne: l’omofobia che permea la chiesa non la riscontro in nessun’altra istituzione sul territorio italiano.
    Ma avremo modo di parlare, credo, di questo e altro.
    Un abbraccio.

    Ezio

    25 maggio 2010 at 17:08


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: