Palabrasenelviento

Palabras en el viento

Hanno zero

with 2 comments

L’Amico Nico, che mi ruba il saluto sperando che glielo permetta;-) si domanda se la trasmissione annozero possa fare meglio e se debba continuare ad essere mandata in onda.
Ha acceso e stimolato un’idea che non avevo: quella di scriverci qualcosa. Invece di commentare sul suo blog, però, scrivo sul mio, così la prossima volta impara a chiedere prima, anziché limitarsi a sperare dopo!

Di annozero guardo abitualmente gli ultimi dieci minuti per vedere le vignette di Vauro, difficilmente il resto. Giovedì mio figlio ha preteso di guardare la Roma, e visto che si paga da sé solo l’abbonamento a mediaset premiun e che io nutro una certa idiosincrasia per la tv non ho battuto ciglio alla sua richiesta (anzi, a dirla tutta, anch’io ho guardato con lui la partita), però la diretta dell’ultima mezz’ora di annozero l’ho vista, spinto dalla curiosità di sapere se giovani esponenti del piddielle avessero partecipato come prelibatezza del banchetto.
Capperi, sono loro i comunisti, e mangiano di tutto. Vedere la giovane esponente piddiellina arringare – prima di friggere e mangiare – contro il povero sindaco di turno (che era sì paffutello, ma mica tanto giovane) vomitandogli addosso epiteti e veleni tanto da zittirlo non con gli argomenti ma con un fiume in piena di parole senza senso, fino a soffocarlo e lasciarlo senza respiro, mi ha lasciato… stupito. Così che mi sono chiesto: A quando la muta di costei? E se ogni muta, però, rappresentasse una rinascita? Per un attimo ho pensato che fosse il premier in persona, tornato frettolosamente in patria dopo aver trascorso un breve periodo dalle parti di Casablanca.
Peccato mancasse un prete, altrimenti l’avremmo visto in difficoltà nello scegliere se mettere il crocifisso davanti all’indemoniato Belpietro mentre ripeteva incessantemente: “Adesso come vive, chi glieli dà i soldi?” O alla sprovveduta (in quel caso) D’Addario dopo aver ammesso di essere una escort (ah, quanto me la sono sognata da giovane la Escort millesei turbo da centocinque cavalli…).
Insomma, se la D’Addario non sa come vivere può sempre chiedere una parte dei finanziamenti pubblici che arrivano alla carta stampata, mica se li possono pigliare solo i direttori.
Ma, soprattutto, non mi sfiora neanche lontanamente l’idea di chiedermi se annozero debba continuare ad andare in onda o meno, e se può migliorare o meno, anche perché alla fine non sono riuscito a capire se a prostituirsi più e meglio (nel senso dell’ammissione e della capacità, non della remunerazione) sia la D’Addario, il Santoro, il Belpietro o l’onnipresente Travaglio.
Ho come l’impressione, citando in qualche modo Cacucci, che questa sorta di “informazione-controinformazione” faccia salire alla visione dell’occhio e all’ascolto dell’orecchio l’idea che non esista la possibilità di guardare oltre l’ostacolo, nonché di immaginare cosa eventualmente ci sia, bensì ad affermare l’esistenza di un’unica società possibile, sì non perfetta ma in grado comunque di far fronte a tutti gli ineluttabili bisogni delle persone. Non sono assolutamente d’accordo col fatto che bisogna scegliere di volta in volta – in base a ciò che dice il politico nel teatrino televisivo o all’opinione del giornalista di turno – il meglio o il meno peggio per salvare il salvabile, perché evadere è impossibile. Forse sì, forse evadere è impossibile, ed è per questo che vale la pena di continuare a provarci.

Annunci

Written by Ezio

6 ottobre 2009 a 17:19

Pubblicato su Senza Categoria

2 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. :-) grazie per questo post! mi pare che abbiamo scritto più o meno gli stessi concetti, anche se con parole diverse eheh
    ci tengo però a puntualizzare due cose.
    il fatto che io dica che annozero deve continuare non dipende come avrai capito dal tenore della trasmissione (a parte vauro, come tutti e due si diceva), ma dal fatto che nessuno dovrebbe permettersi autorizzarne o meno la messa in onda.
    poi, il fatto che io dica che potrebbe fare meglio si riferisce al mio desiderio di “vaurizzare” anche il resto :-)
    un abbraccio e… buonavita! tiè, non chiedo neanche stavolta :-)))

    nico

    6 ottobre 2009 at 23:33

  2. Sì, più o meno sono d’accordo sul “vaurizzare” di più, cioè due ore di vignette di Vauro a settimana e i cinque minuti finali a Santoro. :-)
    Scommetto che Berlusconi si incazzerebbe di più.
    Un Abbraccio grosso grosso :-)

    Ezio

    7 ottobre 2009 at 17:19


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: