Palabrasenelviento

Palabras en el viento

Giuda

leave a comment »

Sotto la croce di Gesù c’era molta più gente che sotto le altre… ed io mi chiedevo perché la Sacra Famiglia non potesse fare una visitina anche agli altri crocifissi. Dai ladroni non c’era mai nessun parente, e quando si va in ospedale si scambiano sempre due parole con gli ammalati che non ricevono visite. Anche a Giuseppe, pensavo, non badava nessuno; c’erano sempre in mezzo quei prepotenti dei Magi che non gli lasciavano neanche tenere in braccio il bambino. Per non parlare di Giuda. Ho sempre avuto un’inconfessata simpatia per Giuda, in primo luogo perché senza di lui il cristianesimo non sarebbe mai decollato, e poi, se si considera che uno dei princìpi fondamentali del cristianesimo è il perdono dei peccati, allora Giuda dovrebbe essere in testa alla classifica dei peccatori da perdonare. Giuda è la prova del fuoco del cristianesimo, è la maglietta macchiata di olio e ketchup che, lavata nel sangue dell’agnello, dovrebbe venire più bianca del bianco. Giuda, di solito, viene raffigurato come il cattivo da manuale: capelli rossi, orecchie a punta e un infido gatto sotto la sedia. Insomma, anche un bambino può pensare che Gesù doveva essere un po’ avventato se ha scelto proprio lui come apostolo…

Alan Bennett
Una visita guidata
Adelphi
5,50 euro (o neuri)

Annunci

Written by Ezio

12 maggio 2009 a 22:59

Pubblicato su Senza Categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: