Palabrasenelviento

Palabras en el viento

Confusione

with 6 comments

macerieAvevo un occhio su una rivista di computer, questa mattina, e l’altro sul monitor del mio piccì; ed io che difficilmente riesco a fare bene anche una sola cosa alla volta avevo anche, a tenermi compagnia, il sottofondo di ottobre-scirocco che usciva dalle casse, leggero come le ali di Icaro. Poi sono stato distratto da una voce ben conosciuta che usciva dal televisore (e quattro), in una diretta telefonica dentro non so quale contenitore-inceneritore: quella di Luttwak. Lamentava, il poverino, con voce tremolante per il disappunto, del fatto che i media europei danno troppo risalto ai morti a Gaza. In fondo nessuno si preoccupa di far risaltare il numero dei morti in Darfur o tra Burundi e Rwanda – diceva – per cui non si capisce il motivo di tanto accanimento mediatico contro il povero stato isdraeliano (così com’è comunemente pronunciato dai vari profeti a mezzobusto) che – a quanto pare – ha tutto il diritto di sterminare la progenie di quella grande puttana che fu Lilith.
Ho smesso da tempo di chiedermi se si può essere uomo e soldato al contempo, uomo e politico al contempo e, per chiudere, uomo e giornalista al servizio di qualcuno al contempo.
Nessuno che abbia il coraggio di parlare di guerra elettorale, schifosamente pianificata e vergognosamente portata a compimento.

Faccio e ascolto troppe cose insieme da un po’ di tempo a questa parte, sta tutta qui la mia reale confusione.

Annunci

Written by Ezio

9 gennaio 2009 a 23:21

Pubblicato su Senza Categoria

6 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. sai qual è la cosa peggiore di gaza?
    codesto effluvio di foto sui vari blog e facebook!

    salud

    Franco Senia

    10 gennaio 2009 at 15:33

  2. Non so dirti su facebook, ma sui vari blog che abitualmente leggo l’effluvio è sufficientemente limitato. Sarà per il fatto che ne leggo pochi e sempre gli stessi. Certo, la guerra è un esercizio offerto dal potere e non dall’uomo, però mi fa un incazzare il fatto che il primo si rafforzi e il secondo muoia.

    buonavita

    Ezio

    10 gennaio 2009 at 17:39

  3. Chiunque scriva di gaza, ama decorare i suoi post con foto di bambini preferibilmente morti, o quantomeno sanguinanti. E non credo che quanto affermo sia confutabile. La cosa, a mio avviso, è decisamente … cristiana. Ma questo è un problema mio, ci mancherebbe!
    Quanto alla morte e alla guerra, che dire? Come per ogni altra cosa, anche lì, la radice di tutto rimane … l’uomo!

    Franco Senia

    10 gennaio 2009 at 17:59

  4. Ma non intendo confutare nulla, neppure la cosa decisamente… cristiana, anche se ritengo che un’immagine serva, oltre che a mostrare… a parlare, a tracciare una linea temporale e raccontare un prima e un dopo. Riguardo guerra e potere, invece, mi riferivo ad una frase di Mao, intrisa di sangue e politica. Magari sì, la radice di tutto rimane l’uomo: con questo mi tocca convivere e per questo faccio distinzioni.

    buonavita

    Ezio

    10 gennaio 2009 at 23:20

  5. Dubito che un’immagine serva … a mostrare, parlare o tracciare. L’immagine, come il linguaggio, è fascista, in quanto costringe … a dire!

    salud

    Franco Senia

    11 gennaio 2009 at 11:41

  6. Direi che il fascismo sia costringere a dire di un argomento ma che il dire in generale non sia sinonimo di fascismo; così come un’immagine non dice tutto ma solo ciò che chi la guarda vi riesce a leggere. Ma io, tornando all’argomento principale, più che delle immagini ho paura di certe parole che hanno la pretesa di unire fino a fondere: obiettivo (o nemico) comune, dicono. Un’oscenità che mi spaventa.

    buonavita

    Ezio

    11 gennaio 2009 at 12:41


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: