Palabrasenelviento

Palabras en el viento

The Clock Ticks On

leave a comment »

Parlando di musica (non di testi) e di canzoni che si lasciano cantare mi pare proprio che l’evoluzione musicale di Ritchie Blackmore l’abbia portato su una strada completamente nuova: quello che sembrava essere un esperimento si è di fatto tradotto in uno stile completamente diverso dall’ hard-rock dei Deep Purple – gruppo che non sono mai riuscito ad amare – ed è passato dai concerti negli stadi davanti a migliaia di paganti a piccoli concerti per poche centinaia di spettatori, per lo più in fiere e vecchi castelli medievali.
Mi è capitato di vedere e ascoltare il DVD di Castles & Dreams più di una volta e me ne sono innamorato, ben più che per i testi e la voce di Candice Night per un genere di folk mescolato con musica rinascimentale, anche se ho letto da qualche parte che trattasi di una sorta di pop-medievale. Sarà…
Ora, a parte il nome del primo strumento che suona in “The clock ticks on”, che non ho mai visto nelle mani di altri musicisti e di cui ignoro completamente anche la provenienza, mi viene da dire che questa e non solo questa sia una di quelle canzoni che si lasciano ascoltare e anche cantare, niente di più e niente di meno.

Per vedere il video tocca cliccare qui, ché  l’incorporamento del codice risulta essere disattivato.

Annunci

Written by Ezio

7 ottobre 2008 a 18:59

Pubblicato su Senza Categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: