Palabrasenelviento

Palabras en el viento

Archive for giugno 2008

Basta con le morti bianche…

leave a comment »

Mentre i lavoratori continuano a schiattare, schiacciati da macchinari o soffocati da esalazioni velenose, il “governo” europeo (questa è la foto più realistica che ho trovato) mette all’asta nervi di bue per “segnare” gli schiavi moderni con nuove vergate: fino a 48 ore settimanali di lavoro, in cambio di pane e latte ma non brioches (che quelle…). Pane e latte a sufficienza, da sfamarsi a tal punto da morire di inedia o da rivendere sul mercato nero, accumulando un centesimo dopo l’altro per passare poi in armeria con le tasche piene…
Com’è il titolo (e il ritornello) di una canzone di Paolo Pietrangeli?
Padroni e profitto, profitto e padroni. Corse, fino a soffocare i figli dimenticandoli in macchina, fino ad ammalarsi di malattie incurabili dai nomi più variabili e variopinti.
Il lavoro non è un utensile, è un uomo (meglio se negro e meglio se povero, che sia chiaro!), e questa distinzione è andata man mano fondendosi, fino ad assumere una forma ibrida. Non muoiono i lavoratori, si rompono utensili. Non si piange la persona, ci si incazza per l’investimento perso. E quando “l’utensile” non crepa sul posto di lavoro e chiede ciò che gli è dovuto gli si spara addosso.
Di una semplicità disarmante, qui come altrove.

… che si inizi con quelle nere!

Written by Ezio

19 giugno 2008 at 22:29

Pubblicato su Senza Categoria

Marina

leave a comment »

Giustizia: un altro modo per dire vendetta. (Che è un piatto da servire freddo!)

Quanti innocenti… (all’orrenda follia.)

“L’uom che non sa che cosa sia prigione
egli è davvero un uomo fortunato,
poiché meglio è morir ch’esser cacciato
per forza vivi in questa rea magione.

Quand’uno è qui rinchiuso, per ragione
ch’egli abbia, ei vien considerato
d’aver le leggi o codice violato –
quest’è de’ magistrati l’opinione.

Vera o falsa, l’accusa ormai gli pesa
sopra le spalle come un reo fardello
e conto ei deve dar di quell’offesa!

Quanti innocenti presi nel tranello
della ingiustizia vengono a contesa,
oh quanta falsità viene a capello!”

Luigi Scarmagnan

Written by Ezio

10 giugno 2008 at 21:40

Pubblicato su Senza Categoria