Palabrasenelviento

Palabras en el viento

Come Quando Fuori Piove

with 6 comments

Cuori:
Ci sono quelli “diversi”, cui Baglioni ha dedicato una canzone, ma sono più portato ad immaginare i cuori come culi rovesciati, o i culi come cuori rovesciati, come nei disegni o come il professore milanese lascia intendere in una delle sue canzoni peggiori. Gli è che m’è toccato di sedermi su una panchina del Celio, ieri mattina, e di essere rimasto un paio d’ore a guardare un viavai di soldati in mimetica che continuamente mi passavano davanti: tutti rigorosamente uguali proprio come lo sono i soldatini dalla breve ferma. Solo dal “movimento” del cuore rovesciato ho potuto distinguere i maschi dalle femmine, che come percentuale siamo lì. Non saprei dire cosa resti di una donna “dentro” la divisa, so per esperienza vissuta che di un uomo non resta nulla. Magari restano due maschi, o due femmine, o un maschio e una femmina, chi lo sa.

Quadri:
Ci sono quelli di cui parla Sgarbi, da appendere al muro, anche se io, appesi, ci vedrei meglio lui e tanti altri. Ci sono quelli dei progetti, dei concorsi, i quadri elettrici, i quadri generali, insomma tutto quadra se i quadri quadrano e vanno bene, persino quelli scolastici. Non mi quadra, invece, il pur bel libro di Giulietto Chiesa: “Zero, perché la versione ufficiale sull’11/9 è un falso”. Non mi metto certo a fare le pulci alla ricerca e al lavoro che c’è dietro questo libro però… però non aggiunge nulla di nuovo a ciò che s’è sempre saputo: Cia, Isi, Al Qaeda; e poi la fisica e la termodinamica e il puttaniere alcolizzato Muhammad Atta; e poi ancora la crisi dei Balcani e in nuovo secolo Americano e l’oleodotto e l’eroina che si produce in Afghanistan; e poi ancora… e poi insomma… Insomma un quadro-riassunto più che completo di ciò che tutti sanno. Ecco, appunto, tutti sanno anche se credono ad altro, per il semplice fatto che l’incredulità popolare risulta essere più che sufficiente per mascherare i grandi imbrogli. Due frasi, però, mi sono rimaste impresse più delle altre: “Come è sempre accaduto nella storia dell’uomo, gli imperi cominciano a percepire la propria grandezza soltanto quando ne sentono il peso, cioè verso la loro fine. E il pericolo è che non vogliano prenderne atto e che cerchino di superare la crisi alzando la posta”. Alzando la posta? Come quando fuori piove: vince cuori, come sempre!
La seconda frase, di Lidia Ravera, introduce i fiori: “Nel buio intuivo ogni suo pensiero, ogni sua mossa, dovrebbe essere vietato per legge restare sposati per venticinque anni con lo stesso uomo, si diventa un corpo solo, mentre le teste diventano sempre più diverse. Donne e uomini si radicalizzano, ciascuno verso gli estremi difetti o pregi del proprio genere di appartenenza, con gli anni”. Voglio sperare che sia un semplice tentativo di chiaroveggenza e non un’oggettiva e assoluta verità: l’anno prossimo vi saprò dire.

Fiori:
In genere si portano ai morti e si regalano a mogli e/o amanti, comunque sempre di famigliari trattasi nella gran percentuale dei casi. Famiglie, già, alcove d’amore ma anche stanze ovattate di violenza psicologica e fisica. Ma tanto una famiglia ce l’abbiamo tutti. Sarà per il fatto che ieri sera mi sono accomodato sul divano per vedereOnora il padre e la madre, di Sidney Lumet, sarà per il fatto che risuonano ancora nelle orecchie le bestialità domenicali di maledetto sedicesimo e della campagna elettorale ma, cazzo, io ho sempre associato il concetto di famiglia al concetto di complicità, e la dissacrazione del concetto classico di famiglia oltre che ben rappresentato, nel film, mi appare anche e soprattutto ben evidenziato. La famiglia, sembra dire il film, è costituita dal patrimonio e da legami di sangue da recidere come e quando se ne ha voglia, nient’altro. E Lumet ce lo sbatte in faccia con tanta forza da sembrare un pugno, più di quanto abbia fatto Gaber col suo “Anche per oggi non si vola”. Sì, continuo a preferire la complicità, al di dentro e al di fuori del matrimonio.

Picche:
Picche??? Altro che picche! Piove, governo ladro!
Ora, di mettermi a parlare di politica non ne ho punta voglia. E poi oggi a Roma è piovuto. E pure ieri, che l’acquazzone improvviso l’ho beccato mentre tornavo a casa in moto, e con la strada bagnata si rischia ma ci si diverte pure, altroché se ci si diverte. E no cazzo, di parlare di politica non mi va ma non posso non chiedermi come faccia il Presidente dei Presidenti a chiedere di “dar voce alle vittime”. Ma come si fa a far parlare i morti, seduta spiritica? Sì caro Presidente, se Lei riesce a dar voce ai morti ammazzati (da ambo le parti, mi permetta di ricordarLe la par condicio) mi faccia un fischio “alla pecorara” del tipo di quelli che fa Trapattoni per chiamare dalla panchina i giocatori sul campo, ché io i morti li so contare e so anche da quale parte stavano ieri e in quale starebbero oggi. Ma sappia che se davvero riuscisse nell’intento di dar loro voce non sarebbe una risata a seppellirLa, solo tante, troppe grida in più.

Annunci

Written by Ezio

13 maggio 2008 a 22:50

Pubblicato su Senza Categoria

6 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Di presidenti del consiglio che parlano con i morti, questo allora dovrebbe essere il secondo! Per lo meno, checché ne dicono, c’è continuità fra prodi e berlusconi. E poi vuoi mettere? Pensa come gli verranno bene le sedute spiritiche con la russa!!!
    Quanto alla famiglia, che dirti ezio? Deleuze sosteneva che si iscrive nella sfera della filiazione, contrapposta a quella della complicità. La famiglia da una parte, la banda dall’altra. Del resto se ci pensi bene, ti verrà senz’altro in mente che le famiglie fanno fare cose strane, tipo portarti ai matrimoni dopo averti fatto tagliare i capelli …. ;-)

    salud

    Anonimo

    14 maggio 2008 at 07:18

  2. Ah naturalmente il commento era mio :-)

    salud
    Franco

    Franco Senia

    14 maggio 2008 at 07:30

  3. Figurati che se non avessi precisato che eri tu avrei stentato a riconoscerti, nonostante lo stile della scrittura e nonostante il saluto;-)
    Probabilmente, almeno nell’accezione dei termini, Deleuze ha ragione. Però ci sono persone che vivono insieme da tempo immemore, con figli, senza essere sposate; così come c’è chi si sposa e si manda in culo il giorno dopo. Credo che la filiazione esista anche al di fuori della famiglia, così come la complicità esiste dentro e fuori di essa, tanto che non riesco a vedere una contrapposizione netta tra legami di sangue e complicità. E poi questo sostantivo descrive cose assai diverse: famiglia cristiana o famiglia mafiosa (che poi, magari, sono la stessa cosa) o famiglia di funghi o famiglia di prodotti e chi più ne ha più ne metta:-)
    Insomma, tutto scorre e muta, e bisognerebbe cominciare ad abbattere i modelli che ci vengono imposti, tutti.
    Ah, dimenticavo, l’ultima volta che ho tagliato i capelli, causa un matrimonio, il barbiere non sapeva da che parte cominciare, visto che erano anni che me li tagliavo da solo. Così ha infierito un po’ troppo per dargli “un tono”, che suo dire ce n’era un estremo bisogno. Sono passati sette mesi e non ci siamo più visti, e i capelli pian piano stanno ricrescendo…
    Ah(2), il presidente è il bolscevico che siede al quirinale.
    buonavita

    Ezio

    14 maggio 2008 at 16:10

  4. Nelle case non c’è niente di buono
    appena una porta si chiude dietro a un uomo
    succede qualcosa di strano, non c’è niente da fare
    è fatale, quell’uomo comincia ad ammuffire.
    Basta una chiave che chiuda la porta d’ingresso
    che non sei già più come prima
    e ti senti depresso.
    La chiave tremenda, appena si gira la chiave
    siamo dentro a una stanza:
    si mangia, si dorme, si beve.

    Ne ho conosciute tante di famiglie, la famiglia è più economica e protegge di più. Ci si organizza bene, una minestra per tutti, tranquillanti, aspirine per tutti, gli assorbenti, il cotone, i confetti Falqui. Soltanto quattrocento lire per purgare tutta la famiglia. Un affare. Si caga, in famiglia. Si caga bene, lo si fa tutti insieme.

    Nelle case non c’è niente di buono
    appena una porta si chiude dietro a un uomo
    quell’uomo è pesante e passa di moda sul posto
    incomincia a marcire, a puzzare molto presto.
    Nelle case non c’è niente di buono
    c’è tutto che puzza di chiuso e di cesso:
    si fa il bagno, ci si lava i denti
    ma puzziamo lo stesso.
    Amore ti lascio, ti lascio.

    :-)

    salud

    Franco Senia

    14 maggio 2008 at 18:00

  5. Dopo aver sentito e risentito e poi risentito ancora questo stramaledetto album ho capito il perché di tutto il fiume di critiche al Gaber degli ultimi album; e i significato della frase: “siamo passati da Gaber… a Paolini”.
    Essì, ce ne ho messo di tempo…;-)
    buonavita

    Ezio

    14 maggio 2008 at 19:04

  6. Somehow i missed the point. Probably lost in translation :) Anyway … nice blog to visit.

    cheers, Conjugately.

    Conjugately

    19 giugno 2008 at 03:40


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: