Palabrasenelviento

Palabras en el viento

Qualcosa è cambiato?

with 3 comments

È bastato il rifiuto di partecipare, mercoledì scorso, ad un convegno di un candidato(?) – femminile – nel partito democratico per rischiare di “freddare” un po’ un rapporto che dura da sempre.

 

– Pronto?

– Come va?

– Bene.

– Che fai mercoledì sera?

– E che ne so! (È ancora lunedì ed io non so neanche quello che farò tra un’ora…)

– Non è che per caso ti va di venire ad un convegno del PD?

– Convegno del PD? Perché è già stato partorito? Comunque non credo, sono certo che avrò un tal casino di cose da fare, tutte per caso…

– Ma dai, tanto è solo per fare numero…

– Ho capito ma per me fare numero equivale a perdere del tempo.

– Vabbè, ci sentiamo mercoledì.

 

E mercoledì mattina, mentre ero intento a sistemare il motore del cancello elettrico di casa mia, come d’improvviso appare.

 

– Allora, che fai?

– Niente.

– Non vieni?

– Ma neanche portato a braccia!

– Ma scusa, se non hai niente da fare…

– Se non avrò niente da fare vuol dire che mi troverò qualcosa da fare…

– Ma mica ora. Verso le sei.

– Appunto! Fosse anche verso le cinque, o verso le sette, o anche subito…

– Insomma, cazzo, grazie a lei ho preso lavori per (tot) euro. Gli ho solo promesso che avrei portato al convegno una trentina di persone e tu dici che non vieni? Stiamo lì un’oretta, ci facciamo qualche pasticcino e un paio di aperitivi, che tanto costano poco (avrei dovuto anche pagare, sembra), sentiamo un po’ quello che dice e poi, dopo aver fatto presenza, ce ne andiamo a casa. Non ci danno mica la tessera (lui aveva, e forse ancora ha, quella dei DS), non gli si deve mica promettere il voto, è solo (di nuovo) per fare numero.

– Occazzo, ma perché non fai fare numero ai tuoi operai? (Anche lui lo è stato fino ad un paio d’anni fa.)

– Ma no, sono quasi tutti stranieri!

– Ah, già, stranieri… (anche i numeri, per poter essere sommati, abbisognano della “targa”, evidentemente. Se non altro sono tutti in regola col libretto di lavoro.) Vabbè, fai un po’ il cazzo che ti pare! Io lì, a vedere e magari scambiare parole con facce sicuramente di merda non ci vengo!

– Che stronzo che sei!

 

Se non mi ricordasse una splendida commedia con Helen Hunt e Jack Nicholson direi proprio che da mercoledì, forse, “qualcosa è cambiato”, ma non da parte mia. Per fortuna però che le commedie durano poco e tali risultano essere, visto che pare abbia capito. Durano tanto poco che stasera, dal ritorno da un lungo giro in moto, ho trovato la strada bloccata a 200 metri da casa mia, davanti ad una sorta di centro sociale che, più che tale, risulta essere un centro bocciofilo per anziani e parco giochi per bambini. Non c’era verso di svicolare, tanto che ho pensato ad un incidente e invece… e invece sul marciapiede c’era una bancarella coperta da gazebo bianco con tanto di fila umana per votare il segretario.

Cazzo! Avessi avuto un euro da arroventare con l’accendino e gettare a terra…

 

Annunci

Written by Ezio

14 ottobre 2007 a 19:09

Pubblicato su Senza Categoria

3 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Siccome, per motivi che tuttora mi sfuggono, voglio tutto sommato bene alla persona cui si fa riferimento, mi verrebbe da dire, piuttosto, che non è cambiato un cazzo!

    Un tizio che conosci

    14 ottobre 2007 at 21:33

  2. Sono gli stessi motivi (sfuggenti o meno) per cui anch’io gli voglio ancora bene, tanto che oggi ci siamo visti e non s’è parlato di convegni e altri ammennicoli vari.

    Ezio

    14 ottobre 2007 at 21:45

  3. Mi hai fatto ripensare a Peter Hanke che, nel suo libro (una sorta di diario per aforismi) “il peso del mondo” racconta a proposito dello sgomento nell’accorgersi dell’impossibilità di una vera amicizia, a causa di un film: taxi driver!

    salud

    Franco Senia

    15 ottobre 2007 at 09:03


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: